Progettazione parchi e giardini: guida alla scelta della pavimentazione

Progettazione parchi e giardini

La progettazione di parchi e giardini non riguarda soltanto la scelta delle piante, il posizionamento degli arredi e l’ideazione di un buon impianto di irrigazione: uno degli aspetti più importanti è, infatti, la pavimentazione, che dev’essere in linea con il design del giardino ma, al tempo stesso, anche funzionale, resistente e, soprattutto, sicura! I materiali utilizzati per le pavimentazioni esterne sono: impermeabili, antiscivolo e antigelo. In altre parole, devono essere resistenti all’acqua e alle intemperie e, al contempo, non troppo scivolosi (per garantire la sicurezza di chi vi cammina sopra). Ma quali sono i materiali più comuni nelle pavimentazioni di parchi e giardini?

Il legno, materiale naturale per eccellenza, spesso tagliato a listoni di grandi dimensioni, purché l’essenza scelta sia abbastanza resistente alla pioggia, al gelo e al sole. Il cotto, utilizzato frequentemente nell’architettura italiana, anche per via dei costi non eccessivi. O, per un effetto rustico, la pietra naturale, declinata in tante tipologie e sfumature cromatiche, per adattarsi a diversi design di giardini classici e moderni. Di recente, poi, si è diffusa la moda del gres porcellanato, un materiale che “gioca” con i nostri sensi, donandoci l’illusione del parquet, della ceramica, del marmo: una scelta, dunque, economica e versatile, adatta a giardini di design e semplici spazi aperti.

Per la progettazione di parchi e giardini carrabili, invece, si utilizza il calcestruzzo, per la sua elevata resistenza ai carichi e all’usura. O, ancora, materiali di origine sintetica, che spesso “imitano” nelle finiture e colorazioni altri tipi di pavimentazione da esterno. Infine, una tendenza molto comune è quella di creare dei veri e propri “percorsi visivi”, affiancando listoni e piastrelle di differenti colori e materiali, oppure alternando, alle zone pavimentate, delle aree con prato all’inglese, ciottoli, corsi d’acqua, ecc..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *